domenica 20 marzo 2011

I FIGLI

E una donna che reggeva un bimbo al seno disse, Parlaci dei Figli.
E lui disse:
I vostri figli non sono figli vostri.
Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di se stessa.
Essi vengono attraverso voi ma non da voi,
e sebbene siano con voi non vi appartengono.
Potete donare loro il vostro amore ma non i vostri pensieri.
Poichè hanno pensieri loro propri.
Potete dare rifugio ai loro corpi ma non alle loro anime,
giacchè le loro anime albergano nella casa di domani,
che voi non potete visitare neppure in sogno.
Potete tentare d'esser come loro, ma non di renderli come voi siete.
Giacchè la vita non indietreggia nè s'attarda sul passato.

VOI SIETE GLI ARCHI DAI QUALI I VOSTRI FIGLI,

VIVENTI FRECCE,

SONO SCOCCATI INNANZI.

L'Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell'infinito,
e vi tende con la sua potenza affinchè le sue frecce possano
andare veloci e lontano.
Sia gioioso il vostro tendervi nella mano dell'Arciere;
poiché se ama il dardo sfrecciante,
così ama l'arco che saldo rimane.-

Gibran
______________________________

E' dovere di ciascun genitore amare i propri figli, aiutarli nell'imparare loro a muovere i primi passi ed a proteggerli fin quando non hanno bene appreso come reggersi saldamente sulle loro gambe.
E' anche doveroso fornire i mezzi necessari per assicurare la loro salute, l'educazione e la crescita.
E' altresì giusto che ciascun genitore aspiri ad essere amato e rispettato dai propri figli.
Ma è scorretto - come ammonisce Gibran - pretendere che i nostri figli siano come noi.-

Antonio Amodeo

13 commenti:

  1. se il baby sindaco non frequenta l'ora di religione e molti si chiedono se è cristiana o che tipo di cosa professa non era il caso di fare la prima uscita appresso ai Nostri Santi in processione.
    Tutti per apparire facciamo chissà; noi ci aggrappiamo a qualsiasi fuscello minuscolo e di tre punti c'è n'è uno e tutti gli altri fan trentuno.
    Un saluto e la domanda è chiara.

    RispondiElimina
  2. SIG. Amodeo mi scusi, ma è più forte di me, mi ero ripromesso di non rispondere a commenti stupidi,però non ho resistito alla tentazione del commentatore delle ore 20:24 del 20 marzo, intanto ci deve spiegare se quando ha votato michele pino gli ha chiesto se era ateo, cristiano, e/o cosa professa!!!!!il baby Sindaco non ha fatto niente per apparire, ha f solo fatto quello che l'istituzione gli chiede di fare,cosa che il tuo sindaco fà, ogni qual volta si creano le occasioni , e anche quando non è il caso, di fasciarsi di tricolore.... Buona serata e commentate cose serie grazie...

    RispondiElimina
  3. Al gentile e cortese anonimo del post delle 20:24 spiegheremo nel prossimo post il perchè il baby sindaco non frequenta da qualche anno l'ora di religione cattolica
    P.S. Si evidenzia che il baby sindaco il prossimo anno frequenterà il primo anno del liceo classico, ove ha richiesto espressamente
    di poter usufruire dell'insegnamento della religione catolica. Francesco Rizzo e Angela Barresi.

    RispondiElimina
  4. Ma perchè non chiedi al Preside perchè il baby sindaco non è cattolica penso che lui lo deve sapere?Poi penso che non essendo cristiana non dovrebbe andare dietro i nostri Santi, i suoi genitori lo dovrebbero sapere. Saluto

    RispondiElimina
  5. parte I°DOCUMENTO FRANCESCO RIZZO - ANGELA BARRESI

    ALLA CURIA ARCIVESCOVILE
    DI MESSINA
    e p.c. ALLA CURIA VESCOVILE
    DI PATTI
    e p.c. AL PARROCO DELLA
    COMUNITÁ DI OLIVERI
    e p.c. AL DIRIGENTE SCOLASTICO
    DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DI
    FALCONE
    e p.c. AL CONSIGLIO D’ISTITUTO






    Siamo i genitori di due bambini di dieci ed undici anni che frequentano rispettivamente la classe V della scuola primaria e la classe I della scuola secondaria di primo grado. Assolutamente convinti che, pur nel rispetto delle singole competenze, scuola e famiglia debbano fattivamente collaborare per dare ai ragazzi le più alte opportunità di sviluppo armonico e sereno e per favorire la formazione di giovani ricchi di conoscenze, liberi e responsabili, essendo noi di intima e profonda fede cattolica, abbiamo da sempre scelto di aderire all’insegnamento della religione cattolica nella scuola. Riteniamo, infatti, che la cultura cattolica caratterizzi l’identità del nostro popolo nelle sue radici storiche e culturali e nei suoi valori cristiani e che proponga ai ragazzi, al contempo, una concezione di vita di grande elevatezza morale, favorendone la maturità personale e sociale, alla luce dei valori evangelici di verità, giustizia, carità e solidarietà che interpellano la coscienza, l’esistenza umana in quanto tale nonché l’esistenza del creato tutto. E’, dunque, con enorme rammarico e dispiacere che siamo costretti a negare, per la prima volta, ai nostri figli l’opportunità di poter avvalersi di quel grande mezzo di crescita interiore e personale qual è ,per l’appunto, l’insegnamento della religione cattolica. E’ inaccettabile, infatti, che la persona delegata a fornire questo servizio educativo attraverso vari strumenti, fra i quali anche e soprattutto lo studio della Bibbia, arrivi a svalutare e sminuire il valore e il significato della fonte stessa della religione cattolica........................ SEGUE PARTE II

    RispondiElimina
  6. PARTE II DOCUMENTO FRANCESCO RIZZO - ANGELA BARRESI

    Presentare, infatti, da parte dell’insegnante, nella persona della sig.ra Graziella Martelli, i racconti biblici come miti ( il mito della genesi, il mito del diluvio universale, della torre di Babele, di Caino e Abele ecc…) equivale a ridurre ad una raccolta favolistica la Bibbia, ossia il nostro libro sacro, la parola stessa di Dio, la fonte stessa dalla quale facciamo bere i nostri figli. Altrettanto grave, poi, è tentare di instradare verso una direzione ben precisa gli alunni ( si tenga conto della loro tenera età) laddove, trattando la non realtà del racconto della Genesi, nel presentarlo quale un mito si rimanda, al contempo, ad una più veritiera teoria del Big Beng. Inoltre, dare risposte perentorie ed assolute a domande quali : Ma gli animali hanno un’anima?, dare cioè valore di dimostrabilità scientifica ad un’essenza assolutamente indimostrabile quale è per l’appunto l’anima, essendo, a nostro avviso, prova di grande presunzione nonché di totale rigidità intellettuale, pone seri dubbi circa l’elargizione di un insegnamento che possa realmente promuovere, attraverso una dialettica assolutamente aperta verso tutte le direzioni, la crescita interiore e personale di ciascun alunno. In considerazione di tutto ciò, dunque, in qualità di genitori particolarmente attenti allo sviluppo armonico, individuale e libero dei nostri figli, convinti che nell’ora di Religione Cattolica si debba impartire l’insegnamento della Bibbia e non certo una interpretazione personale di essa, convinti che su certi argomenti non ci possano essere verità provate bensi certezze maturate interiormente, è con estremo rammarico che, come abbiamo prima accennato, ci siamo sentiti costretti a non poter più godere di un diritto che lo stato italiano riconosce a tutti noi: l’adesione all’insegnamento della religione cattolica.





    OLIVERI 11 NOVEMBRE 2008 CON OSSERVANZA

    RispondiElimina
  7. Uso questo blog, per chiedere a tutti voi, da chi è abitato il parcheggio l'ato uliveto, dalla strada si vedono sulla staccionata in legno abiti stesi!

    RispondiElimina
  8. Io invece chiedo a tutti voi, al sindaco, agli assessori, ai consiglieri comunali, ai vigili urbani, al vigelr geometra Molino passato all'ufficio tecnico, ai carabinieri, alle guardia forestale da chi è abitato l'edificio costruito vicino ad un vallone accanto alla saia castello quasi di fronte alla fabbrica Donzelli (zona franosa e vincolata da rispetto del torrente e da vincolo idrogeologico) vorrei pure sapare il numero della concessione edilizia (anche in sanatoria) e in quale data è stata rilasciata. Potete usare il blog del sig. Amodeo. Le autorità possono usare il sito del comune di Oliveri. Grazie.

    RispondiElimina
  9. Il progetto di cui sopra ha avuto la benedizione dell'ufficio tecnico comunale. verificate chi è il progettista!!!!

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. Perchè non parlate anche della villetta costruita a san leo sotto la montagna accanto all'autostrada. Anche questa ha la licenza edolizia? non ci posso credere.

    RispondiElimina
  13. Oliveri sta sprofondando nella vergogna e nella m...da. e sarcasticamente sono contento! ALCUNI CITTADINI COMPAESANI DEBBONO MATURARE .. MA SU DURI COMU L'OVU... Tipo michilinu.

    RispondiElimina