venerdì 4 marzo 2011

MADRE TERESA DI CALCUTTA

Nel n. 5 del giornalino "Insieme" (anno 1979, pag. 7) i BRAVI RAGAZZI collaboratori hanno pubblicato il seguente articolo col titolo:

MADRE TERESA DI CALCUTTA NOBEL PER LA PACE

Ogni anno vengono assegnati a delle personalità dei riconoscimenti mondiali su vari campi delle tecniche e delle scienze come segno di promozione umana.
Nel passato altre personalità, come Martin Luter King, Papa Giovanni XXIII°, ed altri sono stati scelti ed insigniti di questo alto riconoscimento.
Quest'anno l'attenzione dei grandi si è rivolta agli umili. Hanno visto giusto scegliendo Madre Teresa di Calcutta. Umile suora che ha profuso intorno a se una grandiosa azione pacificatrice fra i popoli, affratellandoli attraverso la sofferenza e l'aiuto dei più bisognosi.
Qualche volta abbiamo visto alla televisione questa suora, grande, perchè si è saputa fare piccola fra i più bisognosi e abbiamo sentito la sua voce sicura, senza tanta retorica, ma una voce chiara, semplice.
Certamente ha ispirato in tutti un alto sentimento di affettuosità e di simpatia, curva sotto il suo "sari" bianco, con la testa bassa, coi sandali semplici e forse bucati, essa ha parlato al mondo intero portando il suo messaggio della fraternità e della collaborazione fra gli uomini.
Nata 69 anni fa a Scopiye in Iugoslavia, dedicò la sua vita al servizio dei poveri di Calcutta.
Il suo esempio spronò a seguire la sua vita ed in breve tempo ha fondato una Congregazione che si è dedicata completamente, in tutte le parti del mondo, al servizio dei più poveri e dei più bisognosi.
Della sua vita ne ha fatto dono a Dio e ai propri fratelli, incarnando il comandamento stesso di Cristo, la sua casa è diventata la casa dei poveri, di quei poveri che sono dimenticati da tutti, della gente che sta ai margini delle strade prive dell'indispensabile.
Essa stessa scrive nel suo diario: "Camminai ininterrottamente sino a non poterne più...... la mia casa è la casa dei poveri: non dei poveri, ma di quelli che fra i poveri sono i più poveri.
Di quelli ai quali la gente non si avvicina perchè ha paura del contagio...... di quelli che non mangiano più, che cadono per le strade, di quelli che non piangono più... degli intoccabili".
Madre Teresa di Calcutta ha dedicato la sua vita nella gioia di donarsi agli altri e fra non molto la vedremo alla televisione ritirare l'alto riconoscimento del premio Nobel per la pace, col suo sari bianco in mezzo a tanti smoking e tanti doppiopetto scuri, con le facce segnate dall'uso e dall'abuso del potere, lei umile suora, che solo in Dio ripone ogni fiducia.-

Hanno collaborato: Antonio ADORNO - Giorgio ADORNO - Carmelo ALESSANDRO - Lorenzo Antonuccio - Nato ANTONUCCIO - Anna BERTINO - Pina BERTINO - Salvatore BERTINO - Antonietta CLEMENTE - Alessandra COGLITORE - Daniele COGLITORE - Gianpaolo COGLITORE - Filippa FORESTI - Salvatore GENOVESE - Graziella GITTO - Nuccia GITTO - Ninetta GUIDA - Rosamaria GUIDA - Franca IARRERA - Gianpaolo IARRERA - Melina IARRERA - Tindaro LEMBO - Dino LUCA - Biagio MAIORANA - Carmela MAIORANA - Antonella PANTE' - Giuseppe PERSANO ADORNO - Filippo PULIAFITO - Rosalia SIDOTI - Santina SPANO' - DON Luigi LO PRESTI.-
_________________________________________

Questi BRAVI RAGAZZI hanno creduto, con convinzione, nei principi morali ed etici predicati dalla Chiesa Cattolica.
Ma quanti, nella vita pratica, hanno saputo imitare l'esempio di Madre Teresa della quale hanno saputo lucidamente descrivere le virtù?.
Molti di loro sono diventati bravi Professionisti. Altri bravi artigiani o commercianti o pubblici dipendenti o, comunque, bravi ed onesti lavoratori.
Numerosi divennero bravi genitori. Altri non hanno potuto provare questa gioia.
Qualcuno ha deluso le aspettative dei propri genitori che avevano sperato in un diverso risultato.
Ma quanti di loro, nella condotta quotidiana e nell'esercizio delle loro funzioni, hanno applicato quei valori in cui, da giovani, hanno creduto?.
Ovviamente, le scelte che riguardano la loro vita privata non incidono nella vita sociale della comunità nella misura in cui non LEDONO interessi COLLETTIVI.
Però, almeno cinque di loro hanno ricoperto cariche pubbliche elettive in questo paese.
In tale funzione, hanno sicuramente contribuito ad adottare provvedimenti che hanno coinvolto interessi vitali di tutta la comunità locale.
In tal senso è lecito chiedersi:
- Si sono ispirati ai principi morali ed etici acquisiti in Parrocchia?.
- Hanno trasferito nei loro provvedimenti (singoli o collegiali) quei principi morali?.
- Possono mostrare le loro facce segnate "DALL'USO DEL POTERE" come quei tanti personaggi, presenti alla consegna del premio Nobel, in "smoking e doppiopetto scuri" ?.
- o, viceversa, DEVONO presentare le loro facce segnate "DALL'ABUSO DEL POTERE"?.

Sono interrogativi ai quali - nella qualità di cittadini RESPONSABILI - abbiamo il DIRITTO-DOVERE di rispondere, con CHIAREZZA e CONVINZIONE, se vogliamo dare un proficuo contributo alla CRESCITA MORALE, CIVILE ed ECONOMICA del nostro Paese.-
Antonio Amodeo

13 commenti:

  1. CONCORDO CON LEI. PURTROPPO OGGI OLIVERI E' UN PAESE DOVE PREVALE L'INVIDIA, LA CATTIVERIA SU L'UMILTA',IL BUON SENSO E IL BUON GUSTO.
    OGGI CONTA PIU' L'APPARIRE IN TUTTI I MODI POSSIBILI.
    LEI SA NIENTE DEL NUOVO RIMPASTO IN GIUNTA?

    RispondiElimina
  2. Non so nulla. Lo ritengo improbabile.

    RispondiElimina
  3. chi sarebbe il fortunato / a ad uscire ???

    RispondiElimina
  4. Siamo a carnevale. Ogni scherzo vale! E mo gli affamati mollano la minna! manco per il manico del temperino.

    RispondiElimina
  5. Martedì 8 marzo gli uffici comunali resteranno chiusi perchè il sindaco ha ordinato la disinfezione dei locali.
    Non era meglio dire che è la sua festa?.

    RispondiElimina
  6. FORSE IL FIDANZATINO DI OLIVERI, SI DOVRA' DIMETTERE ! FORSE SONO SOLO << CHIACCHERE DI CARNEVALE >> E IL COMANDANTE ANDRA' FINO ALLA FINE CON LA SUA CIURMA!
    CHI VIRA' VEDRA' !

    RispondiElimina
  7. l'esecutivo è sacro e inviolabile.
    La Giunta è salda, coesa e forte "qual torre che non crolla per soffiar di venti".

    RispondiElimina
  8. capisci a me sig. amodeo: non e' che per caso il 19 aprile ha toccato il cuore del portafogli a qualcuno, e si prepera al peggio..

    RispondiElimina
  9. "qual torre che non crolla per soffiar di venti". Pensa alla torre se gli scavano le fondamenta, chiedilo ai tuoi tecnici cosa puo' succedere !.!.!. (Signorina)

    RispondiElimina
  10. Un assessore non era in odor di ....... crac?
    Forse è crollato? o ci sono altre novità di....
    cervicale?.

    RispondiElimina
  11. Assessore o Assessora?.

    RispondiElimina
  12. forse assessore . . .

    RispondiElimina
  13. C'è molto nervosismo. Avvisi di garanzia in arrivo?.

    RispondiElimina